BIKE SHARING, L’ADESIONE AL SERVIZIO DEGLI STUDENTI DEL COLLEGIO UNIVERSITARIO SALESIANO E L’INCONTRO CON MATTEO MALFER, AMBASCIATORE ITALIANO DELLO SPORT UNIVERSITARIO

L’amministratore unico di FMI, Vincenzo Bongiorno: “Ringraziamo l’Istituto Salesiano ‘Orselli’ di Forlì e il suo direttore don Piergiorgio Placci per l’interesse dimostrato verso il nostro progetto di incrementare la diffusione del bike sharing tra gli universitari in città. Costruttivo confronto con Malfer”.

La cura del bike sharing, la possibilità di prendere gratuitamente una bici a prestito per i propri spostamenti in città, è uno tra i diversi compiti svolti da FMI, società multiservizi per Forlì e il territorio, per conto e in accordo con il Comune di Forlì. Nei giorni scorsi è arrivata l’adesione al servizio da parte degli studenti del Collegio universitario salesiano. Ad ognuno è stato distribuito un QR code con il quale scaricare gratuitamente l’app Weelo, utile per utilizzare in comodità e con il proprio smart phone il servizio. A sugellare l’accordo vi è stato l’incontro, venerdì 15 dicembre 2023 presso l’Istituto Orselli di via Episcopio Vecchio, tra Vincenzo Bongiorno, amministratore unico di FMI, e il giovane trentino Matteo Malfer, studente di Scienze Internazionali Diplomatiche al Campus di Forlì e dal 9 settembre scorso nominato per un anno Ambasciatore Italiano dello Sport Universitario, in rappresentanza degli universitari del Convitto dove pure lui soggiorna quando si trova in città.
“Come FMI – afferma Bongiorno – ringraziamo l’Istituto Salesiano ‘Orselli’ di Forlì e il suo direttore don Piergiorgio Placci per l’interesse dimostrato verso il nostro progetto di incrementare la diffusione del bike sharing tra gli universitari che vivono e studiano in città. Per concretizzare l’adesione a tale servizio da parte dei quarantanove universitari del Convitto Salesiano sono poi stati determinanti l’incontro e la collaborazione con Matteo Malfer, con il quale ho avuto un costruttivo confronto sul tema mobilità e universitari, argomento sul quale continueremo a collaborare”. Bongiorno, inoltre, aggiunge: “Il pensiero che ci sta muovendo è che il bike sharing possa proprio fare al caso del target studenti universitari, numerosi a Forlì anche fuori sede ed Erasmus, provenienti dall’estero. La positiva risposta anche degli universitari del Convitto Salesiano è un indizio della bontà del nostro pensiero. Occorrerà continuare a lavorarci e a monitorare l’andamento. Gli universitari del Campus forlivese sono oltre seimila, tra cui gli studenti di Medicina, pensando ai quali ci stiamo attivando per istituire nuovamente, in accordo con l’assessore alla Mobilità del Comune di Forlì Giuseppe Petetta, una postazione del bike sharing anche presso l’Ospedale, dove si svolgono le lezioni. Nel segno della semplificazione e della transizione ecologica, abbiamo recentemente reso possibile l’accesso gratuito al servizio, scaricando l’apposita app Weelo, potendo così fare a meno della produzione delle tesserine plastificate, che pure continueranno a valere se già sottoscritte e se l’utente fosse impossibilitato a scaricare l’app. In prospettiva, la speranza è che l’utilizzo maggiore del bike sharing da parte degli universitari possa ‘contagiare’ positivamente sempre più anche i forlivesi. Sono processi non brevi, culturali, su cui occorre perseveranza, senza certo demonizzare l’utilizzo dell’automobile, ma per incrementare la mobilità sostenibile che fa bene fisicamente a chi la pratica, oltre ai benefici ambientali. Mobilità sostenibile su cui l’Amministrazione Zattini ha svolto un ottimo lavoro, incrementando del 40% i percorsi ciclabili in città”. L’Ambasciatore Italiano dello Sport Universitario, Malfer osserva: “Ringraziamo FMI e il suo amministratore Bongiorno per averci fatto conoscere e averci proposto l’adesione al bike sharing. L’utilizzo della bicicletta è davvero ideale per muoversi con agilità per Forlì, soprattutto in centro storico. Inoltre, il grazie alla città lo rivolgiamo poiché ci mette a disposizione il servizio gratuitamente”. FMI nei mesi scorsi ha diffuso la possibilità del bike sharing anche attraverso la partecipazione con un punto informativo all’Alma Mater Fest e con la presenza in tre mezze giornate presso la Biblioteca Universitaria Ruffilli in via San Pellegrino Laziosi.
Sono attualmente dieci le postazioni a Forlì, operative h24, da cui si possono sganciare le biciclette e dove vanno riagganciate dopo l’utilizzo. A queste dieci postazioni si aggiungono i due “Bike Sharing Point” presenti in prossimità dei parcheggi di via Lombardini e di viale Manzoni. La presenza del bike sharing a Forlì rientra nel più ampio progetto regionale “Mi muovo in bici”.

Per informazioni ci si può rivolgere allo sportello mobilità di FMI, in via Lombardini n. 2
tel.: 0543.1718100; info@fmi.fc.it, aperto dal lunedì al sabato dalle 7:45 alle 13 e con orario continuato fino alle ore 18 nelle giornate di martedì e giovedì.

Nella foto: l’incontro tra Vincenzo Bongiorno e Matteo Malfer presso l’Istituto Salesiano di Forlì

Articoli recenti